Celeste, Viola o Rosa: i colori magici della Notte romagnola

Celeste e viola: sono i colori di inizio estate in Romagna, le tinte con cui l’entroterra collinare celebrerà l’inizio dell’estate, i suoi colori e profumi accesi, i sapori della tavola e la voglia di star bene dall’alba al tramonto. Anzi, fino a notte fonda, perché proprio in questi giorni si celebrano la Notte Celeste e la Notte Viola. Scopriamo allora lungo la Strada della Romagna appuntamenti e mete da non perdere lungo un itinerario di sapori, natura e relax. Partiamo dalla Notte Viola, che sabato 23 giugno animerà con street food, musica e mercatini le strade di Casola Valsenio al termine della tradizionale Giornata della lavanda. Questa pianta aromatica, che con i suoi colori accende l’estate romagnola, oltre a riempire l’aria con la sua inconfondibile fragranza, può essere impiegata in tanti modi in cucina. Provate per credere biscotti, infusi e insalate, ma anche cheesecacke e tiramisù: lasciatevi conquistare da questa pianta straordinaria nota soprattutto per il suo potere rilassante e distensivo ideale per chi soffre di stress, ansia ed emicranie. E se cercate una pausa di relax lo stesso week-end vi aspetta la Notte Celeste, la grande festa del benessere termale italiano. A pochi chilometri di distanza le Terme di Riolo organizzano per l’occasione una cena celeste con spettacolo di danza arabesque a tema “le farfalle nel bosco” tra acrobazie e nastri aerei sospesi sopra le piscine. La stagione è perfetta anche per un’escursione alla scoperta dei calanchi del Parco della Vena del gesso. Vi consigliamo allora una visita con attrezzatura speleologica alla Grotta di Re Tiberio a Riolo Terme, raggiungibile da un suggestivo sentiero panoramico. Se dopo quattro chilometri di cammino una tappa ristoratrice a tavola è d’obbligo, all’agriturismo Vignoli sapranno deliziarvi con i migliori piatti della tradizione romagnola abbinati ai vini del territorio. Da non perdere assolutamente sono gli strozzapreti con lo Scalogno di Romagna Igp, bulbo golosissimo a cui Riolo Terme dedica una sagra il terzo week-end di luglio. E se sulla via del ritorno volete fare una tappa per portarvi a casa qualche buona bottiglia puntate il navigatore in direzione Podere Torre Mazzolano o azienda agricola Quadalti: dal Sangiovese al Pignoletto, passando per Cabernet e Trebbiano non rimarrete delusi.

 

logo dt romagna-con il contributo di.jpg